Spot homepage

World futures

articolo del 22 Maggio 2017 inserito in Eventi.

Un nuovo articolo di Diego Frigoli Ecobiopsychology
pubblicato su

WORLD FUTURES
The Journal of NEW PARADIGM RESEARCH

Edited by Ervin Laszlo
 



Abstract
The latest scientific discoveries acknowledge that the universe, from the atom to the galaxies, is a system behaving as a whole where each single set composing it seems informed by the global state of the system. In-formation can be exemplified as a “software” governing the “hardware” that is composed of the objects of the universe. This in formation comes from an Akashic Field or archetypal field that can breed each single form as well as the relevant states of consciousness. Ecobiopsychology, through the study of vital analogies and symbols, supports reflective consciousness to have access to the archetypal field studying the relation between the aspects of matter (infrared) and those referred to the psyche (ultraviolet). With this perspective the human's reflective consciousness field can gradually expand until becoming accessible to the reality of the Unus Mundus, represented by the coherence of the single structures of the universe and their own embedded state of implicit consciousness.


Alla fine delle ultime scoperte della scienza si ammette che l’Universo, dall’atomo alle galassie, è un sistema che si comporta come un tutto, in cui ogni singolo insieme che lo compone sembra essere informato dello stato complessivo del sistema. L’in-formazione può essere rappresentata da un “software” che governa l’“hardware” costituita dagli oggetti dell’universo, e questa in-formazione scaturisce da un campo Akashico o campo archetipico in grado di generare le singole forme come gli stati di coscienza ad esse pertinenti. L’ecobiopsicologia, attraverso lo studio delle analogie vitali e dei simboli può permettere alla coscienza riflessiva di accedere al campo archetipico, studiando la relazione  fra gli aspetti della materia (infrarosso) e quelli corrispondenti della psiche (ultravioletto). In questa prospettiva il campo della coscienza riflessiva dell’uomo può dilatarsi gradualmente sino a rendersi accessibile alla realtà dell’Unus Mundus, rappresentato dalla coerenza delle singole forme dell’universo e del loro stato di coscienza implicito.